Google Ads… scimmiottiamo Facebook? O c’e’ di più

Google ads perchè Google ha cambiato nome da Adwords (gli annunci pubblicitari nei risultati di Google) non è cosi immediato definirlo, sono oramai anni che big G cerca di trovare la quadra per monetizzare al meglio la sua capacità di erogare display ads dentro adwords e forse ha ritenuto che il termine “word” in google adword è un freno all’aumento del business.

Google infatti non può controllare la quantità di ricerche che ci sono su internet, può efficientare il processo di asta sulla home page del motore di ricerca, come ha fatto a febbraio 2016 riducendo le posizioni degli annunci pubblicitari visibili senza scrollare lo schermo in media su una ricerca da PC da 5-7 a 4 alzando il costo per click di conseguenza,  escludendo cosi dal mercato chi (tra gli inserzionisti) non poteva più permettersi lo strumento rincarato (se il costo a click cresce lo fa anche il costo dei lead generati dagli annunci).

Spostando la mappa e i risultati della mappa sotto i primi annunci pubblicitari ha reso ancora meno efficiente il SEO relegando il primo risultato organico fuori dalla visibilita dell’utente medio…. ottenendo un apprezzamento ulteriore della parte pubblicitaria (geniale insomma senza campagne pubblicitarie non si fa nulla).
Adesso la mossa successiva saranno le campagne smart che sta per lanciare dove “algoritmi di intelligenza artificiale” machine learning… aiuteranno l’utente a far campagne migliori… in altre parole daranno a bigG l’autonomia di monetizzare la propria rete display all’insaputa dell’advertiser che nell’hamburger carnoso ex google adwords no rete partner e no ricerche libere… si trova la selezione display insalata stantia e chissa cosa altro… automatico, non più word ma ads per promuovere il proprio sito web. Il display network diventerà il vero campo di battaglia. Il rebranding riguarda tutto l’universo pubblicitario ma c’e’ una coerenza nelle mosse verso doubleclick, google marketing platform, google 360, google my business. Google my business sarà il cavallo di troia per lanciare una sorta di landing page generator automatico… per mantenere l’utente che clicca la pubblicità su suolo Google il maggior tempo possibile prima di concedergli di visitare il sito del cliente. Se poi con google ads si riuscirà a nascondere a chi PAGA la pubblicità tutte le dinamiche di creazione dell’hamburgher…. la carne di qualità resterà un lontano ricordo, vivremo di google my business sintetico invece di sito web reale… perche il google my business sintetico uito a google ads…. è più impermeabile a facebook che sul pixel sui siti clienti sta prosperando e erodendo mercato pubblicitario e inserzionisti a bigG. Ecco che la lotta si sposta sugi audience network come terreno di monetizzazione con due filosofie differenti. Aspettatevi quindi fuochi di artificio illusori per … come i maghi che nella seconda guerra mondiale facevano comparire porti in mezzo al mare con le luci per sviare la lucidita di investimento del nemico…. lanciare forme sempre più evolute di marketing automatico… per limitare sempre di più la liberta chi come noi costruisce gli interessi dei propri clienti combattendo con chi in google passa ore al telefono a spiegare che tutto è semplice basta solo spendere di pù , sempre di più e male. Il mercato pubblicitario è una tavolo a guida Google e Facebook, Google però e un crupier che chiede ai giocatori TUTTI di fidarsi che tiene in mano lui le carte di tutti e le gioca al meglio per farli competere tutti meglio tra di loro … al suo tavolo. Funziona, è vero , il bello della concorrenza col massimo dellaa conoscenza… solo che a questo gioco i costi non si abbassano… ma semplicemente il crupier svuota meglio i portafogli degli avventori che si fidano delle sue abili prestidigitazioni…. non usate il prestigiatore machine learning di google marketing che vede tutte le carte… portatevi il vostro al tavolo del motore di ricerca. Noi siamo qui per giocare ancora con voi a google adwords…. pardon Google Ads. E perche no anche a Facebook Ads perche su due tavoli si gioca meglio.

About the Author admin

>